ricetta pollo e patate al forno
Ricetta pollo e patate al forno
3 Maggio 2022
riciclo creativo pentole
Vecchie pentole e padelle: tante idee geniali per riciclarle in modo creativo!
3 Maggio 2022

Quattro metodi naturali per rimuovere il calcare dalle pentole

Ciao, il calcare ha sconfitto anche te? Ti vediamo che sei qui dopo aver digitato sui motori di ricerca “come togliere il calcare dalle pentole”. Prendi carta e penna, perché abbiamo la soluzione per te.

Anche gli oggetti migliori possono subire qualche deterioramento. Spesso succede perché la pentola o la padella che hai comprato non è all’altezza delle tue aspettative (che aspetti a passare a quelle di Mamù?) oppure perché non le stai trattando nel modo adeguato. Ci sono tecniche e piccoli segreti che se applicati contro il calcare nel modo corretto possono prolungare la vita dei tuoi strumenti in cucina, oltre che garantirti una cottura migliore. Quelli che ti consigliamo, poi, sono tutti metodi naturali ed ecologici: non dovrai quindi utilizzare nessun prodotto industriale.

Le macchie di calcare

Innanzitutto ricorda che una cosa è la formazione del calcare, altra cosa invece i segni di sporcizia. Il calcare infatti si forma sulle stoviglie a causa di questo agente che è aggiunto all’acqua corrente per igienizzarla. Tenendo pulite pentole, padelle, forchette e cucchiai con regolarità, attraverso i metodi che ti stiamo per mostrare, vedrai che il problema sarà eliminato alla radice. Farlo con i metodi naturali che ti proponiamo, infine, è ecologico e sostenibile (sia per l’ambiente che per le tue tasche).

 

Quattro metodi naturali per rimuovere il calcare dalle pentole:

1: Aceto di vino bianco portato a ebollizione nella pentola incriminata.

2: Bicarbonato sciolto in acqua, da strofinare sulla superficie piena di calcare.

3: Limone da strofinare sulla parte calcarea, poi usa una panno per tamponare.

4: Pentolino con acqua, aceto e bicarbonato portato a ebollizione, e poi fatto raffreddare: immergi la spugna e attacca il calcare!


Soluzioni naturali per togliere il calcare

Il primo metodo naturale che ti consigliamo per eliminare il calcare una volta per tutte è quello con l’aceto di vino bianco. Un trattamento dall’efficacia immediata: riempi la pentola o la padella incriminata con acqua calda e aceto. Metti la pentola sui fornelli e porta a ebollizione. Spegni il fuoco e lascia riposare per un paio di orette, dopodiché semplicemente asciuga. Et voilà. Se vuoi, puoi immergere anche le posate nel liquido e lasciarle lì nel corso delle due ore.

Il secondo metodo riguarda invece l’utilizzo del bicarbonato, che si presta tra i suoi tanti utilizzi anche in questo. Sciogli due cucchiai di bicarbonato in almeno 500 ml di acqua tiepida, poi con un panno o una spugnetta inumidita con questo composto strofina sulla superficie dove si è annidato il calcare. Questo metodo è consigliato per incrostazioni “morbide”, contro le quali potresti anche aver bisogno di una retina da cucina. In quest’ultimo caso, non usarla sulle padelle antiaderenti, altrimenti potresti rovinarle. Con questa soluzione puoi anche sgrassare il piano cottura e il lavandino: ricorda solo di aspettare una decina di minuti prima di asciugare.

Anche il terzo metodo ha come protagonista un oggetto dai mille utilizzi in cucina: il limone. Nella lotta al calcare puoi utilizzarlo in due modi: se il calcare è poco resistente, taglia a metà il limone, strofinalo sulla parte calcarea incriminata e poi utilizza un panno per tamponare. Se il calcare persiste, allora riempi la pentola con acqua e succo di limone, porta a ebollizione e poi lascia riposare fino a tre ore. Risciacqua e asciuga.

Il quarto metodo, invece, consiste in una combinazione dei primi due, da usare in quei casi in cui il calcare con cui hai a che fare è da categoria pesi massimi. Puoi quindi riempire un pentolino con acqua e aceto nella stessa quantità e metterlo sul fuoco. Appena bolle, aggiungi due cucchiai di bicarbonato. Lascia che si sciolga, spegni il fuoco e lascia raffreddare. Prendi una spugna, immergila nel composto e attacca il calcare.


E infine, ecco il metodo bonus, anche definito “metodo-che-non-diresti-mai”. Il metodo del cetriolo: taglialo in due parti e strofinalo sulla superficie incriminata. Vedrai che il calcare andrà via in un batter d’occhio, e dopo dovrai solo asciugare la pentola.